• Le donne possono subire gli effetti della stessa quantità di alcol più velocemente rispetto agli uomini perché, in media, il loro organismo reagisce in modo diverso al consumo
  • Il cancro alla mammella è correlato al consumo di alcol e le donne sono più soggette al cancro alla mammella rispetto agli uomini
  • Le donne incinte non dovrebbero bere alcol o consultare un medico prima di farlo
  • Le donne che allattano dovrebbero essere caute nel consumare bevande alcoliche

'L’organismo delle donne reagisce differentemente all’alcol rispetto agli uomini'

La maggior parte dei rischi e benefici del consumo di alcol riguardano sia uomini che donne. Tuttavia, in media, la maggior parte delle donne rispondono all’alcol in modo più veloce rispetto agli uomini, perché il loro organismo reagisce all’alcol in modo diverso. Inoltre, l’eccessivo consumo di bevande alcoliche può essere più rischioso per le donne che per gli uomini; un esempio è il maggior rischio per la sicurezza personale.

L’organismo di una donna è diverso rispetto a quello di un uomo. I seguenti fattori possono contribuire alle differenze di genere rispetto a quanto alcol raggiunge il flusso sanguigno, determinando il tasso alcolemico.

  • In media, l’organismo femminile contiene il 10% di cellule adipose in più rispetto all’organismo maschile. Il grasso corporeo contiene poca acqua e l’alcol è assorbito dall’acqua presente nei tessuti prima di raggiungere il flusso sanguigno
  • Le donne producono una quantità minore dell’enzima che scompone l’alcol nello stomaco
  • In considerazione della costituzione più minuta, le donne hanno un volume ematico minore per diluire l’alcol una volta che ha raggiunto il flusso sanguigno

È impossibile prevedere esattamente in che modo un individuo reagirà all’assunzione di alcol, perché ogni persona ed ogni situazione sono uniche (altezza, peso, quantità e tempo di assunzione di alimenti, genetica, farmaci assunti, stato di salute).

Tuttavia, le donne sono sottoposte a maggiori rischi per la salute se assumono le stesse quantità di alcol di un uomo. Ecco perché le linee guida del governo raccomandano livelli di ‘consumo moderato’ più bassi per le donne che per gli uomini. Le donne non dovrebbero mai cercare di eguagliare i livelli di consumo di alcol di un uomo.

Gravidanza

Le donne incinte non dovrebbero bere alcol o consultare un medico prima di farlo. Al momento non vi è consenso sulla quantità di alcol che una donna incinta può assumere senza rischi per il feto.

Allattamento

Le donne in allattamento dovrebbero essere caute nel consumare alcol, se del caso. Secondo le United States Dietary Guidelines (2010), se l’allattamento è ben avviato e il bambino ha almeno tre mesi, la madre può concedersi un unico bicchiere almeno quattro ore prima di allattare. Un’alternativa è tirarsi il latte prima di assumere alcol e successivamente somministrare quel latte al bambino.

Cancro alla mammella

Il cancro alla mammella colpisce più frequentemente le donne rispetto agli uomini. Ci sono molti fattori di rischio che contribuiscono all’insorgenza del cancro alla mammella, tra cui anamnesi familiare, indice di massa corporea, altezza, età alla comparsa del menarca, età della prima gravidanza, allattamento, età alla menopausa, terapie ormonali sostitutive, fumo e consumo di alcol. Alcune organizzazioni, come l’International Agency for Research on Cancer (IARC), sono giunte alla conclusione che il consumo di alcol contribuisca all’insorgenza del cancro alla mammella, con un rischio maggiore con l’aumentare delle quantità consumate.

Sebbene l’alcol sia un noto fattore di rischio per il cancro alla mammella, il meccanismo attraverso cui possa causare questa tipologia di tumore non è del tutto noto. Il rapporto tra il consumo di alcol ed il cancro alla mammella è oggetto di numerose ricerche. Studi recenti indicano che il consumo di alcol possa essere strettamente correlato ad una forma di cancro alla mammella meno comune (cancro lobulare), rispetto alla tipologia più comune di questa stessa patologia (cancro duttale).

Sia l’alcol che la terapia ormonale sostitutiva rappresentano un fattore di rischio per determinati sottotipi di cancro alla mammella. Si calcola che le donne che hanno seguito una terapia ormonale sostitutiva per più di cinque anni e assumono bevande alcoliche abbiamo un rischio maggiore di sviluppare il cancro alla mammella. Se e come questi due fattori interagiscano e influenzino il rischio non è del tutto noto.

La maggior parte delle donne rispondono all’alcol più velocemente rispetto agli uomini perché il loro organismo reagisce in modo diverso. La composizione dell’organismo di una donna è semplicemente diversa rispetto a quella di un uomo. Fate attenzione a seguire le linee guida per il consumo di alcol e consultate il vostro medico riguardo il consumo di alcol, specialmente se in gravidanza o allattamento.